#Africa #Sahara – SAHARAWI ANCORA PRESI IN GIRO? – di Gianni Sartori

fonte immagine DW

La vecchia proposta di Rabat (risalente al 2007 e ufficialmente definita una“risposta alle richieste del Consiglio di Sicurezza alle parti per porre fine alla situazione di stallo politico”) venne descritta come “l’iniziativa marocchina di negoziazione di uno status d’autonomia per la regione del Sahara”.

Ma per il Fronte Polisario così come per gran parte della popolazione saharawi si trattava dell’ennesimo tentativo di beffarli, di una mossa propedeutica all’ assimilazione più o meno forzata.

Da allora viene periodicamente e regolarmente rilanciata, raccogliendo ultimamente il favore sia del governo madrileno, sia di alcuni ex esponenti del Polisario ora dissidenti nei confronti del Fronte. Oltre – si parva licet – a qualche Ong italica presumibilmente prezzolata.

Sarebbe forse il caso di ricordare come nell’aprile di quest’anno (quindi non nel secolo scorso) il Marocco sia stato condannato dal Comitato contro la Tortura (Cat) dell’Onu a Ginevra per la dura repressione esercitata nei confronti dei giornalisti dissidenti, dei militanti del movimento di protesta del Rif e dei prigionieri politici saharawi, sia nei territori occupati del Sahara occidentale che nelle carceri marocchine.

In novembre poi, avvocati e rappresentanti di Ong (quelle serie, non “di copertura” magari foraggiate da Qatar e Marocco) hanno nuovamente presentato al Comitato delle Nazioni Unite contro la tortura altre sei denunce per le torture subite, sia al momento dell’arresto che durante la detenzione, da altrettanti prigionieri politici saharawi (Sidi Ahmed Lemjiyed, Mohamed el Bachir Boutanguiza, Abdullahi Toubali, Abdellahi Lkhfaouni,Ahmed Sbai e Houssein Zaou).

Chiedendo l’apertura di un’inchiesta e il loro rilascio in quanto “condannati per confessioni estorte con la tortura”.

I fatti denunciati erano iniziati una dozzina di anni fa, quando l’accampamento di Gdeim Izik (il “campo della dignità”), realizzato nei pressi di Laayoune (la proclamata capitale della Repubblica Repubblica Araba Saharawi), venne smantellato dalle forze dell’ordine marocchine. Gli arresti dei manifestanti si contarono a centinaia e una ventina di attivisti rimangono ancora in prigione. Condannati all’ergastolo in quanto accusatidi aver provocato la morte di membri delle forze di sicurezza.

Quanto al Fronte Polisario, un suo portavoce (Sidi Omar) ha nuovamente accusato il Consiglio di Sicurezza di non contrastare adeguatamente il re Muhammad VI che vorrebbe “imporre un fatto compiuto nei territori occupati della Repubblica Saharawi”.

Lasciando pertanto al popolo Saharawi “una sola opzione, cioè quella di continuare e intensificare la legittima lotta armata per difendere il proprio diritto non negoziabile all’autodeterminazione e all’indipendenza”.

Gianni Sartori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...