#KURDS – EGITTO: AL-KORDI RICHIEDE AL TRIBUNALE IL RICONOSCIMENTO DEL PKK – di Gianni Sartori

PKK-halts-withdrawal-from-Turkey1[1]

L’esponente politico egiziano Majed al-Kordi ha depositato presso un tribunale del Cairo due richieste. La prima (sospensione degli accordi commerciali turco-egiziani) era in qualche modo prevedibile, visto quanto sta accadendo in Libia con Egitto e Turchia schierati su fronti opposti. Appare invece quanto meno inusuale la seconda, ossia che il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Partiya Karkerén Kurdistan, fondato tra gli altri da Ocalan) venga riconosciuto come organizzazione curda legale.

Dopo che il governo egiziano aveva depositato una querela in merito, sia il ministro dell’economia che il Primo ministro e il ministro degli Affari esteri sono stati invitati a presenziare all’udienza, prevista per il 4 e il  febbraio.

Per Majed al-Kordi i consistenti accordi economici (definiti “enormi”) conclusi dalla Turchia con l’Egitto avrebbero “danneggiato l’economia egiziana” mentre Ankara spenderebbe “ingenti somme per acquistare armi e bombe cooperando con gruppi terroristici”. Richiede quindi la “sospensione di ogni accordo economico con la Turchia” aggiungendo che “Erdogan non ha soltanto dichiarato guerra agli Arabi, ma ha ugualmente condotto una guerra contro i Curdi”, un popolo che i governi egiziani hanno “sempre sostenuto in ragione delle relazioni storiche tra i Curdi e l’Egitto”.

Ha anche ricordato che un tribunale belga ha già stabilito che il Partito dei lavoratori del Kurdistan non è un’organizzazione terrorista e che il PKK “agisce per tutelare i diritti legittimi dei Curdi”.

Invita quindi il governo egiziano a sostenere “la guerriglia curda in quanto movimento di liberazione, a riconoscere e accettare le sue attività in Egitto”. Sempre secondo al-Kordi anche il tribunale egiziano dovrebbe “riconoscere la guerriglia curda come un movimento di liberazione con cui l’Egitto dovrebbe interagire formalmente in modo che il PKK possa costituire una rappresentanza ufficiale in Egitto”. E’ previsto che il tribunale discuta ufficialmente della spinosa questione il 4 e il 6 febbraio.

Gianni Sartori

#EuskalHerria – ARRESTATI PER AVER FESTEGGIATO IL RITORNO A CASA DEI PRIGIONIERI BASCHI – di Gianni Sartori

oihana-san-vicente-antton-lopez-oihana-garmendia-haimar-altuna_amp_w1200

Il 22 gennaio la Guardia Civil spagnola ha arrestato quattro militanti baschi (Antton Lopez Ruiz, Oihana San Vicente, Oihana Garmendia, Haimar Altuna) su ordine dell’Audiencia Nacional. L’accusa, aver organizzato le cerimonie di accoglienza per festeggiare il ritorno in libertà di alcuni prigionieri baschi. Antton Lopez Ruiz e Oihana Garmendia fanno parte di Kalera Kalera (dalla conosciuta canzone, vedi nota*) l’associazione che difende i diritti dei prigionieri. Altre associazioni come Gestoras pro amnistia e Askatasuna sono state da tempo rese illegali. Sono invece conosciute come esponenti del partito Sortu (sinistra abertzale) sia Oihana San Vicente, sia Haimar Altuna.

Antton López Ruiz et Oihana Garmendia venivano arrestati anche nel marzo 2018 (insieme a due ex prigionieri ed esponenti di Sortu) per “apologia di terrorismo” in quanto avevano preso parte a una manifestazione in memoria di Belen Gonzalez Penalba. La cerimonia si era svolta a Lazkao, paese natale della militante di ETA. Già membro negli anni ottanta del “commando Madrid”, Belen aveva preso parte ai negoziati tra l’organizzazione indipendentista e il governo spagnolo sia in Algeri (1989) che in Svizzera (1999). Arrestata nel 1999, era morta di tumore nel novembre 2017.

Condotti dopo l’arresto nella caserma di Intxaurrondo, i quattro militanti sono stati rimessi in libertà nella stessa serata di mercoledì in attesa del processo.

Gianni Sartori

 

*nota 1.

Altxa begiak, zabaldu orok

Deiadarra lagunari

Berriro izanen gaituk libre

Indar emanaz iraultzari.

Kalera, kalera, borrokalari kalera,

Kalera, kalera, borrokalari kalera,

Hire indarraren beharra diagu

Gure indarrarekin batera

Hire indarraren beharra diagu

Gure indarrarekin batera.

Zai dago ama, zai aita

Zai andre ta lagunak

Hator, hator Euskadira,

Hator, hator etxera.

Zai dago ama, zai aita

Zai andre ta lagunak

Hator, hator Euskadira,

Hator, hator etxera.

Bultza ta bultza, euskal langile,

Euskal Herri sufritua

Burni kateak geldi labetan

Danba danba, lurrera gartzelak.

Kalera, kalera, borrokalari kalera,

Kalera, kalera, borrokalari kalera,

Hire indarraren beharra diagu

Gure indarrarekin batera

Hire indarraren beharra diagu

Gure indarrarekin batera.

Zai dago ama, zai aita

Zai andre ta lagunak

Hator, hator Euskadira,

Hator, hator etxera.

Zai dago ama, zai aita

Zai andre ta lagunak

Hator, hator Euskadira,

Hator, hator etxera.

#VENETO – David Bowie, Tintoretto e Napoleone – di Ettore Beggiato

BOWIE TINTORETTO

E’ in corso al palazzo Ducale di Venezia la mostra “Da Tiziano a Rubens. Capolavori da Anversa ed altre collezioni fiamminghe” nella quale si possono ammirare capolavori di artisti come Tiziano, Rubens, van Dyck, Sweerts, Jordaens, de Vos e tanti altri.

Ma l’opera che mi ha impressionato di più, anche per la sua storia, è sicuramente “L’angelo annuncia il martirio a Santa Caterina di Alessandria” del grandissimo pittore veneziano Jacopo Tintoretto (1518-1594).

Il capolavoro del Tintoretto era stato pensato per la chiesa di San Geminiano in piazza San Marco, straordinaria opera di Jacopo Sansovino; il figlio di questi, Francesco, ne parla come di una chiesa che “anche se piccola, è forse la più ornata di tutte le altre della città”: in effetti, oltre a marmi bellissimi, c’erano opere del Veronese, dei  Vivarini, del Brusaferro, di Luigi del Friso, di Sebastiano Ricci e di tanti altri; il grande Jacopo Sansovino era così orgoglioso della sua opera che chiese di esservi sepolto.

Tale gioiello fu ammirato fino al 1807:  Napoleone decise  di raderlo al suolo per costruire quella che ancora oggi si chiama “ala napoleonica” … ma non finisce qui, poiché nel 2002, più o meno nelle stesso posto dove si trovava la Chiesa di San Geminiano, l’intellighenzia veneziana pensò bene di collocare nel Museo Correr un orrendo monumento al rapinatore francese… come mettere un monumento a Hitler nel Ghetto veneziano …

Il capolavoro del Tintoretto finì in un primo tempo all’Accademia e poi nel mercato artistico … nel 1983 venne acquistato da David Bowie e conobbe nuova notorietà proprio grazie all’icona del rock inglese: da qualche mese è ritornato nella sua città e per chi lo vuole ammirare c’è tempo fino a domenica primo marzo.

Ettore Beggiato

SALVINI, UN COMUNISTA PENTITO? – di Gianni Sartori

salvini com

Mi si conceda – fra tante tragedie, repressioni e ingiustizie – di raccontare un aneddoto banale, ma comunque – nel suo piccolo – forse degno di nota. Non era mia intenzione scriverne. Tuttavia alcune recenti affermazioni del Salvini mi hanno fatto cambiare idea. Il soggetto in questione recentemente, nel clima elettoralistico per la prossima scadenza in Emilia – Romagna, aveva affermato (vado a memoria): “Ho rispetto dei vecchi comunisti emiliani, ma ormai non esistono più”. In un’altra occasione avrebbe poi affermato che “oggi come oggi Peppone (il comunista inventato dal Giovannino Guareschi, antagonista di don Camillo nda) voterebbe per me”.

Assolutamente falsa a mio avviso la seconda affermazione. Credo che piuttosto di votare la Lega attuale il sindaco di Ponteratto (o se preferite di Brescello) si taglierebbe una mano.

Quanto alla prima, qualcuno ha commentato che presumibilmente Salvini i vecchi comunisti non li aveva mai incrociati, tantomeno conosciuti. Su questo invece avrei un’obiezione.  Potrebbe infatti averli frequentati, se pur brevemente e strumentalmente.

Un passo indietro. Alla fine degli anni novanta del secolo scorso mi ritrovai in quel di Mantova per assistere – nientemeno – che a una riunione  del neonato, effimero e velleitario Parlamento padano. Mi aveva invitato il dott. Renato Giaretta (in gioventù, anni settanta-ottanta, responsabile della sezione vicentina della FGCI, i giovani comunisti) rimasto poi fulminato per la Lega Nord sulla via di Damasco (pardon, di Pontida). E –  mi pare – per un breve periodo segretario o responsabile della sezione vicentina della medesima. Tra l’altro era amico personale della figlia di Paietta, giornalista del Manifesto che lo aveva intervistato in più di un’occasione sulla questione “Padania” (tanto per dire che le cose sono – erano –  spesso più complesse di quanto possa poi apparire con il senno di poi).

“Ti assicuro – mi disse – qui c’è anche gente di sinistra, compagni…”. Ero a conoscenza del fatto che almeno nel vicentino ( a Valdagno e Recoaro in particolare) tra i primi aderenti alla Liga (quella Veneta) c’erano stati addirittura dei vecchi partigiani. Inoltre, frequentando da tempo la realtà di Irlanda, Paesi Baschi, Paisos Catalans, Corsica etc… sapevo – o almeno credevo di sapere – che una parte dei movimenti autonomisti, federalisti, indipendentisti poteva nascere spuria. Per poi definirsi e caratterizzarsi anche a sinistra (vedi Herri batasuna, vedi ERC, vedi Sinn fein…). Personalmente non avevo mai escluso – e qui mi allargavo troppo, lo riconosco – la prospettiva di una Repubblica Veneta sovietica (nel senso letterale di consiliare).

Avrò modo in seguito di comprendere – e ampiamente – che in realtà stavo prendendo una cantonata “grande fa na casa”. Lo ammetto.

Comunque, aggirandomi tra i presenti quel giorno a Mantova incrociai – su precisa indicazione del buon Renato – un gruppetto di “comunisti padani”. Erano in tre, se ben ricordo. Un giovanissimo (con l’orecchino) e due emiliani. Entrambi militanti per anni – fin dalla prima gioventù – del vecchio, talvolta eroico PCI. Cresciuti tra Feste dell’Unità e la distribuzione casa per casa della stessa, come si usava dalle loro parti. Per farla breve, li intervistai. A parlare, esporre era soprattutto uno dei due “vecchi”. Non potei fare a meno di notare che continuamente volgeva lo sguardo verso il giovane (quello che ritengo – al 90% –  fosse proprio il Matteo Salvini e che intervenne, brevemente, solo un paio di volte) quasi per assicurarsi che avesse ben capito. Magari non è uno dei più furbi, pensai. O forse – ma mi venne in mente dopo – per averne l’approvazione? Del resto questa era gente abituata a render conto se non proprio al commissario politico, perlomeno all’intellettuale organico. Uno dei limiti storici dei grandi partiti di massa della sinistra italiana. Tanto è vero che poi, quando i capi decisero di smantellare la “ditta”, le masse li seguirono ciecamente o quasi.

Da qualche parte conservo ancora gli appunti di quella intervista-conversazione che poi decisi di non pubblicare . Non perché troppo “padanista” e tantomeno perché “comunista”, ma in quanto “stalinista”. Infatti ad un certo punto si parlò di indipendentismo basco e catalano. E qui, fatalmente, andai a rievocare le tragiche giornate di Barcellona del maggio 1937 (vedi la Telefonica) quando gli stalinisti del PSUC eliminarono sbrigativamente decine, centinaia di militanti anarchici (FAI, CNT…) e poumisti. Come raccontò Orwell in”Omaggio alla Catalogna” (e anni dopo anche Ken Loach in “Terra e Libertà”). A questo punto la discussione si fece accesa, quasi uno scambio di insulti. Evidentemente, nonostante l’acrobatico cambio di casacca su alcune questioni i due emiliani rimanevano testardamente autoritari. Tutto qui. Non ricordo se anche il giovane – presunto – Salvini intervenne in proposito (direi di no, a memoria), ma comunque dissi loro che per quanto mi riguardava l’intervista finiva lì.

Quindi, tornando a quanto dicevo all’inizio, è possibile che Salvini i vecchi comunisti li abbia anche conosciuti, se pur non nel loro aspetto migliore. Ossia quello di compagni generosi, solidali, antifascisti…e spesso anche buoni amministratori, il che non guasta. Ma piuttosto nel loro “lato oscuro”, quello appunto più autoritario.

Gianni Sartori