#VENETO – Plebiscito-truffa del 21 e 22 ottobre 1866, quei sette parroci vicentini di dubbi sentimenti patriottici … – di Ettore Beggiato

MANIFESTO 1866

Le porcherie, le repressioni, gli inganni che hanno caratterizzato il plebiscito-truffa di annessione del Veneto all’Italia che si è tenuto il 21 e 22 ottobre 1866 sono, ormai, di dominio comune.

E d’altra parte basta sfogliare testi di autori con un minimo di obiettività per trovare sempre nuove testimonianze delle cialtronerie di casa Savoja.

E’ il caso di un volume che sto leggendo in questi giorni, complice la quarantena da coronavirus, dell’autorevolissimo monsignor Ermenegildo Reato, una istituzione a Vicenza, prova ne sia la cittadinanza onoraria che la Città berica gli ha recentemente conferito.

Si tratta di “Le origini del movimento cattolico a Vicenza (1860-1891)”, edito nel 1971 dalla prestigiosa Accademia Olimpica.

A pagina 88 si legge testualmente

“Il Mordini fece allontanare dalle loro parrocchie i parroci di Sarmego, di Poiana di Granfion, di Brendola, nonchè gli arcipreti di Valdagno, di Recoaro, di Chiampo e di Poiana Maggiore, e ne consentì il ritorno solo all’indomani del plebiscito e dopo ampie assicurazioni da parte del vescovo che essi avrebbero -atteso solo al bene spirituale delle loro popolazioni- “
Antonio Mordini è il commissario straordinario del re mandato a Vicenza un paio di settimane prima del plebiscito per “normalizzare” la provincia e i preti vengono fatti allontanare dalle loro parrocchie in quanto di dubbi sentimenti patriottici … in barba alle disposizioni del trattato di pace, firmato a Vienna dall’Italia e dall’Austria il 3 ottobre 1866 secondo il quale il Veneto sarebbe passato sotto Casa Savoja solamente “sotto riserva del consenso delle popolazioni debitamente consultate”.

Altro che controlli internazionali e libere votazioni… e ancor peggio, due giorni prima del voto, il Veneto passa a Casa Savoja in una oscura stanza dell’Hotel Europa a Venezia: è venerdì 19 ottobre e la notizia viene pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del Regno d’Italia n. 288 stampata a Firenze lo stesso giorno; i veneti vanno a votare domenica 21 ottobre e lunedì 22 quando tutto è già stato deciso …

Ettore Beggiato  

#SARDIGNA – Non solo di Covid19 si muore….. – fonte Caminera Noa

Purtroppo nei giorni scorsi una tragica vicenda ha colpito la popolazione de La Maddalena: un neonata è deceduta a causa dei problemi legati al tempo di ricovero. Sicuramente una tragedia, ma una tragedia annunciata, viste le proteste dei cittadini dell’isola contro i tagli alla sanità, ed anche ai trasporti.

La testimonianza di Emanuela Cauli, esponente del Movimento Indipendentista Sardo “Caminera Noa”.

#SARDIGNA – Comunicato stampa | Covid-19: misure economiche nei comuni sardi – fonte Corona de Logu

Corona de logu

Covid-19: provedimentos repentes a favore de sa populatzione

Sa Corona de Logu, assemblea de sos amministradores indipendentistas est cussente de su momentu feu chi sunt vivende totu sos sardos e sa Sardigna pro sa difusione de su Covid-19. Connoschimus sas cunsighèntzias de s’emergèntzia, fintzas a pustis de sa crisi sanitària de como.

Medas atividades imprenditoriales e professionales ant bidu sessende sas funtes de rèdditu, una menguada de òrdines e traballos, sa pèrdida de sos balàngios preventivados. Sa renàschida at a èssere lena e su benidore disconnotu.

Pro custu, sa Corona de Logu invitat sas amministratziones chi aderint a s’assemblea, a adotare provedimentos repentes a favore de sa populatzione, de sas famìlias, de sos traballadores, de sos tzitadinos prus dèbiles. Sas mesuras, chi ant a èssere aproadas sas chidas imbenientes in sas comunas, cunforma a sas esigèntzias de cada Comuna, sunt sintetizadas in custos puntos:

Covid-19: misure urgenti a favore della popolazione

La Corona de Logu, assemblea degli amministratori locali indipendentisti, è consapevole del momento difficile vissuto dai sardi e dalla Sardegna a causa della diffusione del Covid-19. Ed è pienamente consapevole delle conseguenze che l’emergenza avrà, ben oltre il periodo e il campo della presente crisi sanitaria.

Molte attività imprenditoriali e professionali hanno visto interrompersi bruscamente le proprie fonti di reddito, una caduta degli ordini e delle lavorazioni, la compromissione dei guadagni previsti. La ripresa sarà lenta e il futuro si prospetta incerto.

Per questo, la Corona de Logu invita le amministrazioni che aderiscono all’assemblea ad adottare provvedimenti immediati a vantaggio della popolazione, delle famiglie, dei lavoratori, dei cittadini più a rischio. Le misure che nelle prossime settimane verranno approvate dai diversi Comuni, declinate secondo le esigenze peculiari di ogni municipio, possono essere sintetizzate in questi punti:

 

  1. pro sa salude:

– consinna, a cada famìlia de sa bidda, de una frunidura de dispositivos de amparu individuale, cun mascarinas chirùrgicas, guantes e gel antibatèricu;

2.pro sas famìlias e pro sas impresas:

– suspensione de sos tèrmines de pagamentu de sas tassas comunales (Tari, Tasi, Tosap, Cosap, ratas de sas iscolas maternas, àteru) pro ses meses;

  1. pro s’economia locale:

– istitutzione di unu fundu suplementare a favore de s’economia locale, pro su sustentu economicu de tzitadinos e impresas, fintzas cun agiudos a s’innovatzione tecnològica e a sas impresas.

  1. per la salute:

– consegna, ad ogni famiglia del paese, di una fornitura di dispositivi di protezione individuale, dotata di mascherine chirurgiche, guanti e gel antibatterico;

  1. per le famiglie e le imprese:

– sospensione dei termini di pagamento dei tributi comunali (Imu, Tari, Tasi, Tosap, Cosap, rette delle scuole dell’infanzia, altro) per sei mesi;

  1. per l’economia locale:

– istituzione di un fondo straordinario a favore dell’economia locale, finalizzato al sostegno economico di cittadini e imprese, anche con incentivi all’innovazione tecnologica e organizzativa delle imprese.

 

Sa Corona de Logu est segura chi cada amministratzione, in su bilantzu suo, at a agatare su dinari pro pònnere in motu sas resursas bastantes a sas mesuras suplementares. Totu su chi at a èssere fatu pro illebiare sa crisi, mancari cun gastos mannos, at a èssere de profetu pro sas comunidades e sos territòrios, in manera chi sos sardos potzant torrare a praticare su caminu conca a s’autodeterminatzione sotziale, econòmica e polìtica.

La Corona de Logu è certa che ogni amministrazione saprà trovare, entro il proprio bilancio, le risorse necessarie alla realizzazione di queste misure straordinarie. Tutto ciò che sarà fatto per alleggerire il peso della crisi, per quanto costoso, tornerà poi a vantaggio delle comunità e dei territori e consentirà ai sardi di riprendere un pieno cammino di autodeterminazione sociale, economica e politica.

http://www.coronadelogu.eu

info@coronadelogu.eu

facebook.com/coronadelogu

instagram.com/coronadelogu

+39 349 36 04 398