#SARDIGNA #FASCISMO – Mozione di Corona de Logu

RÈVOCA DE SA TZITADINÀNTZIA ONORÀRIA
DADA A BENITO MUSSOLINI. MOTZIONE DE SA
CORONA DE LOGU IN IS CONSÌGIOS
COMUNALES DE SARDIGNA.


REVOCA DELLA CITTADINANZA ONORARIA
CONFERITA A BENITO MUSSOLINI. MOZIONE
DELLA CORONA DE LOGU NEI CONSIGLI
COMUNALI DELLA SARDEGNA.


Sa Corona de Logu, assemblea de is
amministradores indipendentistas, nche
giughet a is Consìgios Comunales de Sardigna sa
motzione pro sa rèvoca de sa tzitadinàntzia
onorària dada a Benito Mussolini
, in su tempus
de is binti annos fascistas, dae is biddas e is
tzitades sardas.


La Corona de Logu, assemblea degli
amministratori locali indipendentisti, porta nei
Consigli Comunali della Sardegna la
mozione
per la revoca della cittadinanza onoraria
conferita a Benito Mussolini
da paesi e città
dell’isola nel corso del ventennio fascista.


Su sèberu chi nos nch’at giutu a custa motzione
tenet
motivos èticos e polìticos.
In is tempos de su regime fascista, ghiadu dae
Benito Mussolini, ant violadu e minispretziadu is
valores pro cumprire is deretos tziviles,
sotziales, polìticos e econòmicos, de
ugualidade, de solidariedade e de paghe, sa
dinnidade de is indivìduos, discriminende e
persighende is tzitadinos cunforma a sessu,
ratza, limba, religione, ideas polìticas e
cunditziones sotziales.


La scelta di compiere questo atto ha solide
motivazioni etiche e politiche. Negli anni del
regime fascista, guidato proprio da Benito
Mussolini, furono completamente calpestati i
valori di uguaglianza e di solidarietà, di pace e
dell’esercizio dei diritti civili, sociali, politici ed
economici, nonché la dignità degli individui, con
discriminazione e persecuzione dei cittadini a
seconda del sesso, della razza, della lingua, della
religione, delle opinioni politiche e delle
condizioni sociali.


Cun is “Leggi fascistissime” de su 1925-28, su
regime fascista, s’ideologia sua e is esponentes
suos, nch’ant cantzelladu sa libertade de
espressione e de manifestatzione de is ideas, sa
libertade sindacale, su pluralismu polìticu e sa
partzidura de is poderes de s’Istadu, furriende a
s’imbesse is règulas de sa vida democràtica.
Cun is leges ratziales, dae su 1938, su regime at
introduidu discriminatziones mannas pro su
pòpulu ebràicu, introduida italiana a su
ochidòrgiu de milliones de persones in is
campos de cuntzentramentu nazistas.


Con le cosiddette “Leggi fascistissime” del 1925-
28 il regime fascista, la sua ideologia ed i suoi
esponenti soppressero la libertà di espressione
e di manifestazione del pensiero, la libertà
sindacale, il pluralismo politico e la divisione dei
poteri dello Stato, sovvertendo le regole della
vita democratica.
Con la legislazione razziale, avviata nel 1938, il
regime fascista introdusse vergognose
discriminazioni ai danni del popolo ebraico,
preludio italiano dello sterminio di milioni di
persone nei campi di concentramento nazisti.


Su fascismu rapresentat s’imbesse de is valores
afirmados in sa
Decraratzione Universale de is
Deretos de s’Òmine
(1948). S’autoritarismu suo,
imbetzes, si gherrat cun su printzìpiu de
autodeterminatzione de is pòpulos
, cunfirmadu
dae: sa
Carta de is Natziones Unidas (1945), sa
Decraratzione de s’Assemblea generale subra
s’indipendèntzia de is pòpulos coloniales
(1960),
is
Patos subra is deretos tziviles, polìticos e
econòmicos, sotziales e culturales
(1966), sa
Decraratzione de is printzìpios subra is ligàmenes
de amighèntzia intre is Istados
(1970) e dae su
Pronuntziamentu de su Tribunale Internatzionale
de Giustìtzia de s’Aja subra su deretu a
s’indipendèntzia
(2010). Totu elaboratziones
patrimòniu de is democratzias cumpridas e
espressione manna de is valores de giustìtzia e
libertade.


Il fascismo rappresenta quanto di più
contraddittorio rispetto ai valori affermati, negli
anni successivi alla caduta del regime, dalla
Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (1948),
mentre
il suo violento autoritarismo confligge
con il principio di autodeterminazione dei
popoli
, ribadito da Carta delle Nazioni Unite
(1945), Dichiarazione dell’Assemblea generale
sull’indipendenza dei popoli coloniali
(1960),
Patti sui diritti civili e politici e sui diritti
economici, sociali e culturali
(1966), Dichiarazione
di principi sulle relazioni amichevoli tra Stati
(1970), nonché dal Pronunciamento del Tribunale
Internazionale di Giustizia dell’Aja in merito al
diritto all’indipendenza
(2010): elaborazioni oggi
patrimonio delle democrazie compiute e
massima espressione dei valori di giustizia e
libertà.


Balet totu fintzas pro su pòpulu sardu. Non nos
podimus ismentigare de is ochiduras de Efis
Melis (Pauli, 1922), Rafaele Rais (Sossu, 1922) e
de is frades Fois: Sarvadore e Luisi (Portescusi,
1922); su protzessu polìticu a Dinu Giacobbe
(Nùgoro, 1923); sa proa pro ochire a Emìliu
Lussu (Casteddu, 1926); is arrestos polìticos de
Giuanne Batista Melis (Milanu, 1928), de
Frantziscu Fancello (Aristanis, 1930), de Tzesare
Pintus (Casteddu, 1930) e de Giuanne Lay (Pirri,
1930); sa fusiladura de Miali Schirru (1931);
s’arrestu e sa morte in presone de Antoni
Gramsci (Roma, 1937); s’arrestu e sa
suspensione dae s’insinnamentu de
Mariànghela Maccioni Marchi (Nùgoro, 1938);
s’esìliu de Giosepe Zuddas, de Vèliu Spanu e de
Dàvide Cova; s’esempru de Marianna Bussalai e
de is deghinas de sardos e de sardas
cundennados a s’iscuadrismu fascista e
custrintos a un’esistèntzia precària suta sa tenta
de sa politzia.


Ancor più tutto ciò vale per il popolo sardo.
Esso non può dimenticare i barbari omicidi di
Efisio Melis (Monserrato, 1922), di Raffaele Rais
(Sorso, 1922) e dei fratelli Luigi e Salvatore Fois
(Portoscuso, 1922); il processo politico a Dino
Giacobbe (Nuoro, 1923); il tentativo di assassinio
di Emilio Lussu (Cagliari, 1926); gli arresti politici
di Giovanni Battista Melis (Milano, 1928),
Francesco Fancello (Oristano, 1930), Cesare
Pintus (Cagliari, 1930) e Giovanni Lay (Pirri,
1930); la fucilazione di Michele Schirru (1931);
l’arresto e la morte in carcere di Antonio
Gramsci (Roma, 1937); l’arresto e la sospensione
dall’insegnamento di Mariangela Maccioni
Marchi (Nuoro, 1938); l’esilio di Giuseppe
Zuddas, Velio Spano e Davide Cova; l’esempio di
Marianna Bussalai e delle decine di sarde e sardi
condannati alle violenze dello squadrismo
fascista e costretti a un’esistenza precaria sotto
la stretta sorveglianza della polizia.


In prus, sa Corona de Logu, cun custa initziativa,
cheret
dare lughe a su valore de su tìtulu de
tzitadinàntzia onorària pro lu dare a
personalidades chi in sa vida issoro ant
gherradu pro costoire o pro conchistare
deretos e libertades, imbetzes de las negare o
de nche las ispèrdere
. Ancora de prus, su
còmpitu primàrgiu de s’istitutu comunale est su
de promòvere s’isvilupu e su progressu tzivile,
sotziale e econòmicu de sa populatzione,
ispirende·si a is valores de sa libertade. In custu
cuntestu, sa Corona de Logu promòvet sa
rèvoca de sa tzitadinàntzia onorària a Benito
Mussolini, non cun sa punna de nche cantzellare
s’istòria, ma comente atzione simbòlica e
augùriu, indiritzadu a is generatziones noas, a
imparare dae is eventos istòricos pro su fràigu
de unu cras lìberu e giustu pro su pòpulu sardu
e pro s’ìsula nostra.
Sa data pro s’initziativa est
su 27 de cabudanni, pro ammentare su 27 de
cabudanni de su 1923, cando ant fatu su primu
protzessu polìticu a un’antifascista sardu, su
sardista nugoresu Dinu Giacobbe
. Sa motzione
nche dd’amus giai presentada in deghinas de
comunas sardas.


La Corona de Logu, inoltre, intende con questa
iniziativa
mostrare profonda attenzione al
valore dell’onorificenza della cittadinanza
onoraria, da conferire a personalità battutesi
nella loro vita per preservare e conquistare i
diritti e le libertà invece che sopprimerle e
negarle
. Tanto più che compito primario
dell’istituto comunale è promuovere lo sviluppo
e il progresso civile, sociale ed economico della
popolazione ispirandosi ai valori della libertà. In
questa cornice, la Corona de Logu promuove la
revoca della cittadinanza onoraria conferita a
Benito Mussolini non con l’intento di cancellare
la storia, ma quale atto simbolico e auspicio,
rivolto soprattutto alle nuove generazioni, a
trarre insegnamento dagli eventi storici per la
costruzione di un futuro libero e giusto per il
popolo sardo e per la nostra isola.
Per
l’iniziativa è stata scelta la data del 27
settembre, a ricordare il 27 settembre del 1923,
quando si svolse il primo processo ad un
antifascista isolano, il sardista nuorese Dino
Giacobbe
. La mozione è già stata presentata in
una decina di comuni sardi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...