#SAHARA #SFRUTTAMENTO – TURISMO E COLONIALISMO A BRACCETTO NEI TERRITORI SAHARAWI – di Gianni Sartori

fonte immagine centrocabral.com

La discussa tesi – evocata dal sottoscritto in svariate occasioni (vedi l’alpinismo in Pakistan) – per cui turismo e colonialismo spesso vanno a braccetto, riceve un’ulteriore conferma.

Questa la notizia. In quel di Dakhla un ristorante in prossimità all’Atlantico avrebbe raggiunto il rango di “paradiso marocchino delle ostriche”.

Se può lasciare indifferenti la notizia che la nuova gestione avrebbe “convertito” al consumo di ostriche l’affezionata clientela (ormai oltre il il 50% dei clienti consumerebbe, a testa, almeno 20 ostriche a pasto in alternativa al pesce) quello che sconcerta è altro.

Ossia che perfino la rivista Jeune Afrique – in quello che a prima vista sembrava un articolo promozionale – parli di Dakhla come di una località marocchina a tutti gli effetti. Dandolo per scontato. E invece Dakhla – se la geografia non è un’opinione – si trova nella Penisola del Rio de Oro ossia in territorio saharawi.*

Il locale in questione serve almeno 500 piatti di ostriche al dì (circa 2000 nei fine settimana) in ogni periodo dell’anno (tranne che nel Ramadan) e con il suo allevamento rifornisce di ostriche un buon numero di altri ristoranti.

Oltretutto l’attuale proprietario sarebbe originario del Morbihan (in Bretagna, ma si può ?). Viveva a Marrakesh, ma si è innamorato della “laguna di Dakhla assai pescosa grazie a una falda pratica preistorica” che garantisce la temperatura ottimale per l’allevamento delle ostriche. Torna alla mente la questione della risorsa ittica, una delle poche a disposizione della Repubblica Araba Democratica dei Sahrawi (l’altra è costituita da fosfati). Risorsa attualmente saccheggiata dal Marocco, fino a qualche tempo fa anche con la benedizione dell’Unione Europea (grazie ai voti presumibilmente comprati).

Ma i turisti? Quelli che vi fanno scalo (definiti “amanti degli scatti allo iodio”, con riferimento, presumo, ai selfie con piedi nell’acqua e Oceano sullo sfondo) sarebbero per lo più, oltre che marocchini benestanti, europei e statunitensi dediti al surf. E qui, senza bisogno di aggiungere altro, il cerchio si chiude.

Gianni Sartori

* nota 1: Insediato da secoli nei territori conosciuti come Sāqiyat al-ḥamrāʾ (Saguia el Hamra) e Wādī al-dhahab (Rio de Oro) il popolo saharawi rivendicava il diritto all’autodeterminazione e all’indipendenza già negli anni trenta del secolo scorso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...