#CORSICA #OPINIONI – Parole…Parole…Parole… – di Petru Poggioli

fonte immagine Shutterstock

Avremmo potuto trovare qualcosa di positivo in merito a quello che sta succedendo oggi, se ciò fosse accaduto almeno dal 2014 o dal 2015, e soprattutto dal 2017, con il 70% degli elettori che votavano per i nazionalisti all’interno delle attuali istituzioni della Corsica.

I media, nonostante la guerra e nonostante le elezioni presidenziali, si sono degnati per alcuni giorni, dopo i recenti avvenimenti, di dare un’occhiata all’Isola, non solo per una promozione turistica, per incoraggiare gli esagonali a venire a stabilirsi con noi in questo bellissimo paese, (“isola di bellezza” diventata “isola di blocchi di cemento”), per vantare dei paesaggi  (oscurando  gli uomini e le donne che vivono qui e le loro preoccupazioni ed i loro problemi quotidiani) o per altre cose.

I politici francesi sono costretti ad esprimersi sull’Isola, viste le parole (autonomia) che appaiono nelle loro dichiarazioni (pro o contro), tolte dai concetti tabù dalla forza degli eventi.  Contatti, discussioni, (ma siamo comunque lontani dalle vere trattative per il momento).

Ma, ma, ma… c’è voluto un dramma le cui responsabilità ricadono sullo Stato e per il momento, tutto questo avviene senza che nulla accada nell’immediato, nella realtà, senza che nulla di concreto si verifichi davvero  per uscire dall’impasse costituzionale o di altro tipo (avranno il  coraggio  politico per capire che la Quinta Repubblica è superata, che non corrisponde più, al di là della  Corsica, alle aspettative di quelle e quelli che, sempre più numerosi, la stanno perdendo di vista e non voteranno nemmeno più?) e che è necessario  ripensare, immaginare,  riflettere su altre soluzioni per salvare la Repubblica francese, abbandonando l’unicità e l’inviolabilità della  Costituzione di questa attuale Repubblica (è già stato fatto molte volte in passato).

E per il momento, le promesse, non seguite da effetto e concretezza, coinvolgeranno sempre e solo coloro che vogliono crederci (per molti motivi).

Adesso, la loro concretezza riguarda soprattutto il prerequisito della cessazione della violenza, o addirittura della sua condanna, mentre noi aspettiamo ancora che i prigionieri dell’Affaire Erignac siano avvicinati o addirittura rilasciati, come consentito dalla legge francese (così come per gli altri detenuti  politici); e per questo non c’è  bisogno di aspettare la rielezione di Macron (il Governo ha già mostrato la sua rapidità nel rifiuto del loro rimpatrio), mentre nessun accordo è stato raggiunto in merito ai procedimenti giudiziari o di altro tipo contro coloro che avrebbero partecipato alle manifestazioni degli ultimi giorni.

Quindi è doveroso constatare che i giovani non si accontenteranno delle dichiarazioni di intenti.

Petru Poggioli

Un pensiero riguardo “#CORSICA #OPINIONI – Parole…Parole…Parole… – di Petru Poggioli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...