#Kurds #Repressione – ARRESTATI SEI MEMBRI DI HDP. FORSE UNA RITORSIONE PER LA DENUNCIA CONTRO L’EX DIRIGENTE DEL MIT? – di Gianni Sartori

fonte DHA

Con un tempismo che è stato definito “sospetto” (ma forse sarebbe corretto definirlo “tempestivamente perfetto”), il 17 novembre un ufficio di HDP nel distretto di Çerkezköy è stato assalito e perquisito (o meglio: saccheggiato) dalla polizia. Contemporaneamente sei membri del partito venivano arrestati presso la loro abitazione a Tekirdag.
Un passo indietro.

Solo pochi giorni prima nella città situata nella parte occidentale dello Stato turco, in occasione di un grande raduno, era stato presentato dal co-presidente Pervin Buldan il nuovo programma (“road map”) del Partito democratico dei Popoli.
Ma proprio il mattino di mercoledì 17 novembre era avvenuto anche dell’altro.
La Commissione giuridica di HDP aveva sporto denuncia presso la procura generale di Ankara contro Mehemet Eymur, (l’ex responsabile del dipartimento anti-terrorismo dei servizi segreti turchi, il MIT) e coloro – persone, istituzioni, autorità – che avevano agito insieme a lui. Accusandoli di “crimini contro l’umanità, contro la Costituzionee contro il diritto internazionale”.
Con una sfrontatezza, un senso di impunità al limite del patologico, durante un’intervista con T24 del 5 novembre, l’ex alto funzionario del MIT aveva giustificato i crimini commessi da organismi interni allo Stato turco dopo il 1970. Torture, uccisioni mirate e attentati compresi. Riconoscendo, di fatto, una sua responsabilità in tale “guerra sporca” contro i dissidenti e contro quelli curdi in particolare. Ammettendo sia la sua diretta partecipazione ad alcune operazioni, sia il fatto che talvolta venisse praticata la tortura. Un metodo che lui personalmente non rinnegava, anzi considerava legittimo negli interrogatori dei prigionieri politici.
Così fornendo – secondo l’HDP – egli stesso le prove per l’avvio di una procedura penale.
Questo almeno è quanto si intuiva dalle risposte date al giornalista che poneva precise domande in merito alle percosse e alle scariche elettriche inflitte ai detenuti sotto interrogatorio. Come avveniva nel famigerato centro di tortura di Ziverbey, a Istanbul.

Spiegando, bontà sua, che “la tortura veniva applicata se non c’era altro modo per farli parlare, in quanto c’è della gente molto ostinata che è difficile far parlare in altro modo”. Addirittura insistendo, caso mai non si fosse capito, che “quando non c’è altro mezzo per farli parlare si può ricorrere alla tortura. Ne sono ancora convinto”. Anche se, lo ammette, è consapevole che la tortura può provocare la morte.
Nell’intervista si parla anche dell’ex capo della polizia Hanefi Avci. Oltre ad aver “manipolato molti curdi con le legge sui pentiti” e aver cercato di “creare organizzazioni contro il PKK”, costui avrebbe“inviato una squadra per eliminare Ocalan”. Ma questa sarebbe “rientrata a mani vuote”.

Dietro sollecitazione del giornalista, Eymur aveva raccontato anche di un altro tentativo per assassinare Ocalan con una tonnellata di esplosivo. Tentativo a cui egli avrebbe partecipato direttamente (insieme a Cevik Bir), ma che era stato in parte “bruciato” da un articolo apparso sul giornale Cumhuriyet.
Comunque l’attentato era poi avvenuto e non senza conseguenze per il leader curdo.
L’esplosione infatti aveva “fatto tremare l’intera Siria”, non solo metaforicamente visto che aveva creato una voragine di 17 metri. Evidentemente il messaggio fu compreso da Damasco e poco dopo Ocalan venne espulso dal Paese.

Sempre stando alle sue dichiarazioni, Eymur avrebbe preso parte anche alle azioni contro Mahir Cayan e Ulas Bardakci, militanti di sinistra.
Alle operazioni (che comunque avvenivano con l’autorizzazione del presidente e delle altre autorità), oltre ad alcuni militari, avrebbe partecipato anche Mahamut Yildrim, ex membro del JITEM. L’agenzia – ricordo – di intelligence della gendarmeria turca, espressione dello “stato profondo” turco e di cui si è venuti a conoscenza dopo l’incidente di Susurluk del 3 novembre 1996. JITEM avrebbe condotto operazioni di “guerra sporca”, coperte e illegali, in particolare contro il movimento curdo. Eymur svelava inoltre che Alaatin Cakici, esponente dei Lupi Grigi (e ritenuto coinvolto in affari di mafia) era stato reclutato per agire contro il PKK in Germania.
Quanto agli esponenti politici arrestati in quella che è lecito sospettare sia stata una ritorsione (se non una autentica“rappresaglia”) per la denuncia contro l’ex responsabile del MIT, essi vengono accusati di “aver fatto propaganda per un’organizzazione terrorista”. Inoltre di aver “utilizzato il termine Kurdistan” durante un interrogatorio dopo che erano stati convocati dalla polizia a seguito di un raduno organizzato appunto a Tekirdag il 7 novembre.

Gianni Sartori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...