#Kurdistan #Kurds – LE MENZOGNE DI ANKARA LASCIANO IL TEMPO CHE TROVANO: I CORPI DELLA PRESUNTA “FOSSA COMUNE” APPARTENGONO A COMBATTENTI DELLE YPG/YPJ E CIVILI CURDI UCCISI DALL’ESERCITO TURCO – di Gianni Sartori

Oltre che con le armi, Ankara e suoi alleati combattono la sporca guerra contro i curdi con ogni mezzo mediatico a disposizione. Senza scrupoli e soprattutto senza alcun pudore. Evocando di sana pianta, come era accaduto nei giorni scorsi in Afrin, inesistenti violazioni di diritti umani da parte delle YPG e pubblicizzando la scoperta di una presunta “fossa comune” di civili eliminati dai curdi.

Il 14 luglio l’Agenzia Anadolu (AA), controllata dal regime di Erdogan, aveva parlato di 35 persone uccise e qui interrate per aver rifiutato di arruolarsi nelle YPG. Il giorno dopo si era parlato di una sessantina di cadaveri ritrovati in una “fossa comune”

Ma le bugie, oltre al naso lungo, hanno anche le gambe corte.

Infatti le immagini del luogo hanno dimostrato che si trattava di un cimitero dei combattenti delle YPG/YPJ e di civili curdi uccisi dall’esercito turco e dai suoi alleati islamisti. Cimitero che era stato distrutto dagli attacchi delle truppe di occupazione ancora nel marzo del 2018.

Rispondendo ai giornalisti un portavoce delle YPG – Nuri Mehmud – ha spiegato appunto che “questo cimitero era stato costruito quando lo Stato turco invasore si stava avvicinando Afrin”. Nel cimitero vi sono i corpi di 71 persone decedute a causa degli attacchi turchi. Tra le persone qui sepolte secondo le tradizioni locali “14 sono combattenti delle YPG, 12 sono combattenti delle YPJ, 5 sono membri delle forze dell’ordine pubblico, 3 delle forze Cebhet El-Ekrad, uno era membro dell’Unione di autodifesa e 5 sono civili. Gli altri corpi sono di civili e combattenti che non abbiamo potuto finora identificare”.

Il portavoce delle YPG ha proseguito spiegando che “sia lo Stato turco che i mercenari dello Stato islamico e di Al-Nusra commettono crimini contro l’umanità in territorio siriano”.

Da questo punto di vista, ha aggiunto “le fosse comuni sono qualcosa con cui Stato turco, Daesh e Al-Nusra hanno molta familiarità”. Inoltre usano qualsiasi mezzo per diffamare la rivoluzione curda e “neutralizzare il nostro progetto di nazione democratica, progetto sostenuto dai popoli”.

E questo non sarebbe nemmeno il primo cimitero di caduti curdi intenzionalmente distrutto dalle truppe di Erdogan.

Lo stesso era accaduto con il cimitero Martyr Refia nel villaggio di Metine e con Martyr Seydo di Qazqili (a Jndires). Cosi come sono stati dissepolti dagli attacchi aerei turchi i corpi dei combattenti YPG e YPJ nel cimitero di Sehid Avesta.

Anche in questa circostanza i turchi avevano tentato di spacciarli per vittime di esecuzioni sommarie operate dalle milizie curde.

 

Gianni Sartori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...