#MemoriaStorica #Südtirol – QUANDO A BOLZANO I FASCISTI UCCISERO IL MAESTRO DI MARLENGO – di Luigi Sardi

Era il 24 aprile del 1921, dunque un secolo fa, quando a Bolzano nella giornata passata alla storia come la “domenica di sangue”, il fascismo che stava nascendo mostrò il suo volto violento uccidendo Franz Innerhofer, maestro di Marlengo.

“Solo pochi di noi [ricordano] la tragedia di quell’aprile, registrata nella storia della nostra terra come la Blutsonntag. Ciononostante, questo drammatico episodio non si è ancora trasformato in un avvenimento storico che noi ricordiamo e le cui vittime noi onoriamo: la morte del maestro Franz Innerhofer sotto il piombo fascista”.

Con questa frase Silvius Magnago, il carismatico leader della Sudtiroler Volkspartei, aveva ricordato il maestro assassinato dalla rivoltella di uno squadrista. Lo ricordò in quel 25 aprile del 1971 quando a Bolzano in Piazza del Municipio parlò assieme ai rappresentanti dell’Anpi, l’ Associazione nazionale dei partigiani e gli esponenti della Dc, del Psi e del Pci: l’unica volta dal 1946 che ha visto la sua partecipazione ad una commemorazione della Resistenza.

Il discorso di Magnago è, probabilmente, la più importante ricostruzione di quell’avvenimento che racconta “il primo, orribile segno di un’epoca che ha portato miserie indescrivibile non solo sulla nostra terra, ma su tutta l’Europa e sul mondo. Quel giorno, Bolzano offriva l’aspetto della serenità. La rinascita economica dopo le conseguenze della guerra e del trattato di pace avevano portato alla Fiera di Bolzano”, la Bozner Messe detta anche Fiera di Primavera, “un’aria di festa”, forse la prima dopo la tragedia della guerra finita nel novembre del 1918 e “alla lieta inaugurazione, la popolazione tedesca del Sudtirolo era accorsa nei suoi tradizionali costumi. Centinaia e centinaia di compatrioti, uomini, donne  e bambini [vestivano] gli abiti tipici delle loro vallate; bande musicali e gruppi di valligiani si erano dati convegno per esprimere, dopo la sensazione di depressione che comprensibilmente era stata provocata dall’annessione [al Regno d’Italia], la volontà di esistere e la fiducia del popolo sudtirolese di voler vivere nel nuovo Stato in libertà, in pace per svilupparsi e affermarsi”.

C’era anche un altro avvenimento che aveva spinto alla massiccia mobilitazione le genti da Salorno al Brennero. A Innsbruck c’era stato un plebiscito che chiedeva l’annessione del Tirolo alla Germania e alla Bozner Messe si era deciso di raccogliere le adesioni – ovviamente solo fra le genti di lingua tedesca – per la separazione dall’Italia. L’idea aveva messo in subbuglio i fascisti di Bolzano che per telegrafo avevano allertato le federazioni della Lombardia e del Veneto, soprattutto di Verona, Brescia, Mantova e poi Ferrara e Bologna.

A Bolzano non c’erano i “rossi”, né anarchici e socialisti che, concentrati soprattutto a Bologna, Milano, Torino, Brescia si opponevano alle incursioni dei manipoli fascisti sempre sul piede di guerra. Quella era l’ epoca di violentissimi scontri con gli “Arditi del Popolo” chiamati dal giornali del Regno “bolscevichisti armati” anche loro reduci della Grande Guerra, che si fronteggiavano nelle città e nei paesi di un’ Italia, sopratutto quella del nord, piegata dalle enormi privazioni della guerra, prostata dalla disoccupazione, popolata da giovani uomini che dall’Isonzo al Piave, dal Montello al Grappa avevano conosciuto solo il mestiere delle armi e l’odio contro il tedesco. Erano sopravissuti, erano i vincitori ma smobilitati si erano trovati senza un mestiere e senza un futuro. C’erano già stati molti morti e feriti a Firenze, Empoli, Casale per un inestricabile succedersi di provocazioni, violenze, rappresaglie culminate nello spaventoso attentato commesso nella sera del 23 marzo a Milano, al cinema-teatro Diana dove una bomba piazzata da anarchici individualisti che volevano uccidere il questore Giuseppe Aurelio Gasti residente sopra il locale, aveva massacrato 21 persone scatenando una rappresaglia così violenta da indurre Mussolini, sfuggito in quei giorni ad un attentato, a scrivere su Il Popolo d’Italia: “Nessuno dei fascisti deve assumersi il compito di iniziative individuali che possano gettare una luce meno simpatica sul fascismo”.

Ma nell’ Alto Adige – erano guai molto seri a chiamarlo Sudtirolo – non c’erano stati quegli scontri che insanguinavano la Nazione. I fascisti erano pochi; invece erano accampati, in massa, i soldati del Regio Esercito dove le reclute e i giovani ufficiali guardano con totale simpatia al fascismo dove militavano soprattutto i reduci della guerra appena finita e i protagonisti dell’impresa di Fiume.     

A Bolzano era già arrivato Achille Starace, l’Ardito del Veliki Hrib, una propaggine del Monte San Michele a nord di Gorizia teatro di furibonde battaglie, il futuro “sergente del fascismo”, il fondatore del fascio di Trento .che diventerà il segretario del Partito nazionale fascista. Aveva assunto il comando di squadre di assaltatori per poter dare, anche questo lo ha scritto Magnago “con la scusa della difesa della Nazione, una prima prova di forza non contro la popolazione tedesca del Sudtirolo, che era pacifica, ma contro le forze dell’ordine per dimostrare in che misura le orde fasciste dominavano le strade e potevano tenere in scacco le forze democratiche”. Il 24 aprile, in piazza Walther von der Vogleweide c’era stata la prima manifestazione di violenza. Si narra – ma forse è una leggenda, però curiosa  – che la “Volante Rodella”, una formazione di camicie nere nota fra Verona e Mantova negli assalti alle cooperative rosse, con tre fascisti di Montichiari a bordo di una moto Stucchi con una mitragliatrice piazzata sul sidecar, sparò una raffica contro il Duomo. Fu il segnale. I fascisti “irruppero in piazza delle Erbe piombando su un pacifico corteo di sudtirolesi e quando furono messi in difficoltà dalla folla, impugnarono le pistole e le bombe a mano”.

Nel giorno della fiera, il maestro Franz Innerhofer  “era venuto a Bolzano quale componente della sua banda musicale portando un gruppo di ragazzi che indossavano i vivaci costumi. Quando scoppiarono i tumulti, la preoccupazione dell’Innerhofer fu quella di portare in salvo i ragazzi lungo via Museo e via della Roggia. Uno gli stava particolarmente a cuore, il piccolo Hans Theiner, che aveva potuto venire a Bolzano solo dopo le particolari insistenze del maestro presso i genitori”. Lo sospinse fino al Palazzo Stillendorf vicino alla Chiesa del Sacro Cuore, “luogo che giudicava come il più sicuro per il suo protetto. Ma le squadre fasciste si erano spinte anche lì, videro Innerhofer e gli spararono attraverso le sbarre del cancello”. Una pallottola colpì il maestro “che cadde nel suo sangue sul primo scalino della scala che porta ad un corridoio, ma il piccolo Hans era salvo” e venne portato via da quel luogo da Menz Popp.

Disse Magnago: “Franz Innerhofer resterà sempre per noi un particolare simbolo ammonitore; era stato ucciso solo perché apparteneva ad una minoranza, dagli aderenti ad un gruppo politico che avevano iscritto sulle loro bandiere la violenza e l’oppressione. La libertà ebbe nel maestro di Marlengo la prima vittima. La vittima successiva della dittatura fascista fu la libertà stessa”.

Mancava un anno alla Marcia su Roma e Benito Mussolini raccontò quella giornata  sulle pagine del quotidiano Il Popolo d’Italia scrivendo che i manipoli fascisti si erano difesi dall’aggressione dei nostalgici dell’Austria e aveva aggiunto: “In Italia ci sono più di centomila fascisti pronti a distruggere e cancellare il Sudtirolo piuttosto che consentire che sia ammainato il Tricolore che sventola sulla Vetta d’ Italia” e in un altro articolo sempre su Il Popolo d’Italia avvertiva che “bisogna schiacciare i crani tedeschi… un migliaio di scarponi fascisti si stanno allenando per questo compito. Giù le mani dal Brennero”. Forse in quel giorni il futuro Duce decise non di italianizzare ma di fascistizzare il Sudtirolo, azione cominciata subito dopo la Marcia su Roma.

 

Luigi Sardi – giornalista e scrittore

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...