#VENETO #TRENTINO – Beggiato ricevuto dal Presidente del Consiglio della Provincia Autonoma di Trento Kaswalder

Un incontro tra vecchi amici, quello tra Ettore Beggiato, per tre legislature consigliere e assessore regionale del Veneto, e il presidente del Consiglio del Provincia Autonoma di Trento Walter Kaswalder, in nome della necessità di recuperare le relazioni storiche tra Trentino e Veneto. Un rapporto di amicizia e politico, che si basa su una comune visione culturale delle radici delle due realtà territoriali, del loro carattere e specificità. Il Leone di San Marco e l’Aquila di San Venceslao come simboli di due popoli che hanno saputo mantenere, nella loro lunga vicenda storica e nonostante l’impetuosa crescita economica degli ultimi decenni, le loro tradizioni e le caratteristiche di fondo. Tradizioni e tratti identitari da conservare e far conoscere alle nuove generazioni.

Ettore Beggiato, al termine dell’incontro, ha consegnato al Presidente Kaswalder il volume “1439: galeas per montes. Navi attraverso i monti” che racconta l’incredibile impresa che la Serenissima realizzò nel corso della guerra contro i Visconti: il trasporto di un’intera flotta di galee dall’Adriatico al Garda risalendo l’Adige fino a Mori, per poi trasportarle via terra attraverso Passo San Giovanni arrivando a Torbole dopo una pericolosa discesa, ricordando come proprio a Trento, città nella quale ha lavorato attorno agli anni ottanta, ha maturato la scelta autonomista.

#Repressione – ALTRI ANTIFASCISTI LIBERTARI CONDANNATI IN RUSSIA – di Gianni Sartori

Magari funziona ancora. Intendo il metodo per cui “prima andarono a prendere…a scelta: gli anarchici, gli zingari, i valdesi, i sindacalisti, gli omosessuali, gli ebrei…”

Con la nota conclusione per cui alla fine non era rimasto nessuno a protestare quando vennero a prendere, sfondando la porta, anche l’ipotetico autore.

Più o meno, il concetto potrebbe valere anche per gli anarchici russi, i curdi iraniani, gli afroamericani, i monaci tibetani, gli ambientalisti brasiliani, gli indipendentisti baschi…

Il Potere, comunque inteso, si prodiga per eliminare il dissenso – il non-addomesticamento – in ogni sua forma. Affinché “serva da lezione” alimentando così la sottomissione di chi crede magari di averla sfangata. Almeno fino alla prossima retata.

Ecco perché – a mio avviso – non andrebbe ignorato il modesto caso di questi militanti antifascisti e libertari russi. Per quanto siano presumibilmente ingenui e sprovveduti oltre che “fuori tempo massimo” (sempre a mio modesto avviso, l’anarchismo ha ormai esaurito la “spinta propulsiva” e concluso la sua parabola in Catalunya e Aragona nel ’36-’37).

Oggi tocca a loro, domani chissà.

Restiamo ai fatti. Il 22 giugno un tribunale di San Pietroburgo ha condannato altri due anarchici, arrestati dal Servizio federale di sicurezza russa all’inizio del 2018, per quello che è conosciuto come “affaire Network”.

Per Viktor Filinkov (si ritiene sia stato torturato nel corso dell’inchiesta per estorcergli una confessione) la pena è stata di sette anni mentre per Yuly Boyarshinov (ripetutamente minacciato di un inasprimento della pena se non avesse collaborato) di cinque anni e mezzo. Da scontare in una colonia penale, versione post-comunista del gulag.

Nel contempo il giudice ha ordinato la distruzione degli elementi di prova (?!?).

Numerosi amici e compagni,  presenti nell’aula del tribunale per esprimere solidarietà ai due imputati, hanno poi cantato inni storici dei prigionieri politici e, dopo la lettura del verdetto, scandito slogan come “l’antifascismo non è terrorismo”. Di conseguenza una ventina di loro (anche la moglie di Boyarshinov, Yana Sakhipova) veniva arrestata.

Gran parte delle persone coinvolte nell’inchiesta su “Network” sono antifascisti e libertari. Vengono accusati di aver preso parte a una “comunità terrorista anarchica” fondata nel 2015 per provocare la “destabilizzazione del clima politico nel Paese” e di aver deposto ordigni esplosivi all’epoca delle elezioni presidenziali del 2018 e della Coppa del mondo.

Le presunte “cellule” operative sarebbero state individuate, oltre che a San Pietroburgo, anche a Mosca, a Penza e in Bielorussia. Recentemente altri sette anarchici accusati di far parte di “una rete clandestina di estrema sinistra” (ancora il “Network”) erano stati condannati a pene complessive di 86 anni.

Niente di nuovo comunque, ripensando a come gli anarchici vennero trattati in Russia, sia quella zarista che nella sedicente sovietica (Kronstadt, Maknovicina..).

Il lupo della steppa magari perde il pelo, ma solo quello.

 

Gianni Sartori

 
 
 

#EuskalHerria – Catena umana a Saint-Jean-de-Luz – 27 giugno 2020

“ARTISANS DE LA PAIX”

organizza per il prossimo sabato 27 giugno 2020 una catena umana per chiedere la liberazione del militante basco Jakes Esnal, che si trova in carcere da 30 anni.

Il prossimo 25 giugno avverrà l’udienza di appello per la seconda domanda di liberazione condizionale chiesta per lui. Il Tribunale di applicazione delle pene l’aveva accettata in prima istanza, ma la Procura Nazionale Antiterrorismo francese aveva fatto immediatamente appello.

il sito dell’associazione