#SARDIGNA – #28Aprile – Sa Die de Sa Sardigna – comunicato Corona de Logu

28aprile-srd

Initziativas pro Sa Die de Sa Sardigna, festa de su pòpulu sardu e die cummemorativa de su 28 de aprile de su 1794

Su 28 de aprile tzelebramus “Sa Die de Sa Sardigna”, festa de su pòpulu sardu, chi nos ammentat de cando nch’amus catzadu sos piemontesos dae Casteddu e dae su restu de sa Sardigna. Fiat su 28 de abrile de su 1794 e fiat su mègius andare de su “triènniu rivolutzionàriu sardu”.

S’eventu est festa istitutzionale, introduida  dae su Consìgiu Regionale Sardu cun sa Lege Regionale n. 44 de su 14 de cabudanni de su 1993. Est fintzas festa populare, pro ammentu de cando totu sos sardos si sunt aunidos pro nche cròmpere a un’obietivu comunu: su de costoire su deretu a s’autoguvernu de s’ìsula. Est una de sas recurrèntzias prus a curtzu a sa Corona de Logu, s’assemblea de sos amministradores locales indipendentistas de Sardigna.

A dolu mannu, sa crisi sanitària chi semus vivende custos meses non nos at a permìtere de la tzelebrare comente si tocat. Ma pròpriu sos eventos cajonados dae su Covid-19, chi si nch’est giai tramudadu a depressione econòmica, nos nche diant dèpere giùghere a meledare mègius subra sos eventos de sa “rivolutzione sarda”. Mai comente a como, difatis, amus tentu su bisòngiu e s’ocasione de torrare a pònnere in motu sa Sardigna e sos Sardos movende dae bases noas.

Oe, benimus a cumprèndere chi su istare paris cheret modificadu e indiritzadu conca a una pràtica e unu sentidu difusu de autodeterminatzione prus artu. Duncas, est de importu a cumprèndere e a iscobèrrere sas resones e sas atziones de Angioy e de sos cumpàngios suos.

Pro custu, sa Corona de Logu nch’at inbiadu una lìtera de intentos a totu sos sìndigos de Sardigna pro los invitare a tzelebrare in sa mègius manera possìbile, bidos sos tempos, “Sa Die de sa Sardigna”. E pro custu invitat sos amministradores locales membros de s’Assemblea:

1) a arresonare, in sa prima assemblea ùtile de su Consìgiu Comunale, de sos eventos istòricos de su “triènniu rivolutzionàriu sardu” e de sas resones chi, in acordu cun sa Lege Regionale n. 44 de su 14 de cabudanni de su 1993, nos faghent tzelebrare “Sa Die de sa Sardigna”;

2) a tzelebrare “Sa Die de sa Sardigna” fintzas in sa pròpria Comuna, promovende cada initziativa ùtile a s’ammentu de sos eventos rivolutzionàrios de su 1794-96.

Sa Corona de Logu ponet a disponimentu de sos membros suos su modellu de sa motzione presentada giai in sos Consìgios Comunales de: S. Francìscu di l’Aglièntu, Bauladu, Gelisuli, Macumere, Mamujada, S’Ulumedu, Pirri, Piaghe, Ruinas, Samugheo, Lungoni, Iscanu, Serramanna, Serrenti, Simaba, Terraba, Tertenia, Soramanna e Biddanoa de Forru.

Sa Corona de Logu isperat chi, unu cras, semper prus Comunas sardas partètzipent in manera ativa a “Sa Die de sa Sardigna” e a difùndere sa connoschèntzia de sos eventos chi nde faghent parte, cuntribuende a sa crèschida de una cussèntzia natzionale sarda ispainada in sa populatzione e in sas istitutziones de s’ìsula.

Iniziative per Sa Die de Sa Sardigna, festa del popolo sardo e giornata commemorativa del 28 aprile 1794

 

Il 28 aprile prossimo celebriamo “Sa Die de Sa Sardigna”, festa del popolo sardo che ricorda la cacciata dei piemontesi dalla città di Cagliari e dal resto della Sardegna, avvenuta il 28 aprile 1794 e momento cruciale del ciclo di eventi passati alla storia come “triennio rivoluzionario sardo”.

La ricorrenza è festa istituzionale, introdotta dal Consiglio Regionale della Sardegna con Legge Regionale n. 44 del 14 settembre 1993. Ed è insieme festa popolare, a commemorazione del momento in cui i sardi tutti si unirono per il raggiungimento dell’obiettivo comune: conservare le antiche prerogative di autogoverno dell’isola. Sta dunque particolarmente a cuore della Corona de Logu, assemblea degli amministratori indipendentisti di Sardegna.

Purtroppo, la fase di crisi sanitaria attraversata in questi mesi dalla nostra società impedirà uno svolgimento pieno della celebrazione. Ma proprio gli eventi innescati dal Covid-19, infezione già sfociata in una pericolosissima depressione economica, devono spingerci a meglio riflettere sugli eventi della “sarda rivoluzione”. Mai come in questo momento, infatti, abbiamo avuto la necessità e l’occasione per far ripartire la Sardegna e i Sardi su nuove basi.

Oggi scopriamo che il nostro stare insieme va modificato e indirizzato verso una più alta e diffusa percezione e pratica dell’autodeterminazione. Ed a tale scopo è indispensabile riscoprire e fare tesoro delle motivazioni e dell’azione di Angioy e dei suoi compagni.

Per questo la Corona de Logu ha inviato a tutti i sindaci della Sardegna una lettera d’intenti e di sollecitazione a commemorare nel miglior modo possibile, date le circostanze, “Sa Die de Sa Sardigna”. E per questo invita gli amministratori locali membri dell’Assemblea:

1) a discutere nella prima seduta utile del Consiglio Comunale degli eventi storici del “triennio rivoluzionario sardo” e delle motivazioni per le quali, in accordo con la Legge Regionale n. 44 del 14 settembre 1993, ha oggi pieno senso celebrare “Sa Die de Sa Sardigna”;

2) a celebrare “Sa Die de Sa Sardigna” anche nel proprio Comune, promuovendo ogni iniziativa utile volta a fare memoria degli eventi rivoluzionari del 1794-96.

La Corona de Logu fornisce ai suoi membri il modello di tale mozione, già presentata nei Consigli Comunali di Aglientu, Bauladu, Girasole, Macomer, Mamoiada, Olmedo, Pirri, Ploaghe, Ruinas, Samugheo, Santa Teresa di Gallura, Scano di Montiferro, Serramanna, Serrenti, Simala, Terralba, Tertenia, Ussaramanna e Villanovaforru.

La Corona de Logu si augura che in futuro sempre più Comuni sardi s’impegnino nella partecipazione attiva a “Sa Die de Sa Sardigna” e nella diffusione della conoscenza degli eventi ad esso legati, contribuendo così alla crescita di una coscienza nazionale sarda diffusa nella popolazione e nelle istituzioni dell’isola.

 

coronadelogu.eu

info@coronadelogu.eu

facebook.com/coronadelogu

instagram.com/coronadelogu

+39 349 36 04 398

 

 

 

 

 

 



 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...