#Turchia #HungerStrikers – SCIOPERI DELLA FAME DI GRUP YORUM – di Gianni Sartori

 

gokcek2

 

Premessa a carattere personale, quasi intima.

La morte di Helin Bolek (curda, cantante della band Grup Yorum) mi aveva lasciato…come dire? Attonito, tetanizzato…

Al punto che avevo deciso di non scriverne più. Perlomeno di scioperi della fame fino alla morte. Troppi ricordi, troppe analogie. Non solo con quelli irlandesi del 1981. Anche con altri scioperi in Turchia, quelli del1996 (12 vittime) e poi del 2000 e oltre. Con oltre un centinaio di vittime tra prigionieri e familiari.

Poi è morto anche Mustafa Koçak e questa ennesima tragedia annunciata aveva rinforzato la mia decisione.

Ma solo in un primo momento. Quasi inconsapevolmente, poi ho cambiato idea.

Al momento di scrivere non è dato di sapere se Ibrahim Gökçek (39 anni, bassista di Grup Yorum, in sciopero della fame dal 17 maggio 2019) sia ancora in vita. In ogni caso le sue condizioni rimangono disperate e personalmente non mi faccio illusioni sulle conclusioni.

Ricapitoliamo.

Helin Bolek è morta il 3 aprile dopo 288 giorni di sciopero della fame (trasformato da gennaio in death fast) nella sua abitazione nel quartiere Sariyer.

Era stata arrestata l’anno scorso insieme a Ibrahim Gokcek durante una perquisizione domiciliare nel Centro culturale Idil a Istanbul. Entrambi venivano accusati di far parte del Fronte rivoluzionario di liberazione del popolo (DHKP-C), organizzazione di sinistra illegale. Rilasciata nel novembre 2019 aveva proseguito nella sua azione di protesta contro la repressione nella “Casa della Resistenza”..

Da qui l’11 marzo sia Helim che Ibrahim erano stati prelevati con la forza dalla polizia e condotti all’Ospedale di Umraniye per essere sottoposti all’alimentazione forzata. Erano riusciti a impedirlo rifiutando l’intervento medico e proseguendo nella sciopero. Fino al tragico epilogo per la giovane musicista. 

Ancora una precisazione in merito all’incredibile durata di questi scioperi della fame (per esempio rispetto a quelli in Irlanda del Nord del 1981).

E’ dovuta ad alcuni accorgimenti, come l’utilizzo preventivo di vitamine. In realtà quella che si prolunga è soprattutto l’agonia, la sofferenza per i militanti. I quali comunque, anche in caso di eventuale sospensione, rischiano danni irreparabili, sia fisici che mentali.

La cerimonia di commemorazione per Helin Bolek si è svolta il 3 aprile nella casa alevita del quartiere di sinistra Küçük Armutlu.

Nonostante l’epidemia in corso, molte persone hanno voluto esprimere la loro vicinanza e solidarietà alla famiglia della militante deceduta: Dopo un minuto di silenzio, si è levato il grido di “Grup Yorum è il popolo, voi non potete farlo tacere”.

Anche se costretto in una carrozzella, era presente Ibrahim Gokcek. Rivolgendosi al governo ha detto: “Non importa cosa altro ci aspetta, vinceremo noi”.

E aveva continuato: “Voi liberete Mustafa Kocak (altro membro della band  condannato all’ergastolo, deceduto qualche giorno dopo nda) e gli altri componenti di Yorum. Senza alcun motivo ci avete messi nelle liste dei ricercati. Voi lo revocherete. Come potrete rendere conto di quanto è accaduto? Non sarete in grado di farlo”.

Si era poi rivolto alla folla invitando tutti a “opporre insieme resistenza”.

Il 23 aprile, nel 297° giorno di sciopero della fame, perdeva la vita anche   Mustafa Koçak (nel carcere di T 2 a Şakran presso Izmir). Il 28enne rifiutava di assumere cibo dal 3 luglio perché chiedeva un giusto processo.

In questi giorni sulla vicenda di Ibrahim Gokcek è intervenuto con un appello il Comitato per la Cultura e l’Arte del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK). Invitando ad “agire con urgenza per Ibrahim Gokcek. Che sia dentro o fuori, chi oppone resistenza non deve essere lasciato solo. Prima che ci siano altri morti va fatta pressione sul governo perché le richieste siano esaudite”. Concludendo con “La resistenza è possibile in qualsiasi condizione”.

Anche l’alleanza curdo-turca Halklarin Devrim Hareketi (HBDH, Movimento Rivoluzionario Unito dei popoli) ha richiesto di agire con urgenza per Ibrahim.

Nel comunicato di HBDH si afferma: “Contro i membri di Grup Yorum che con la loro arte rivoluzionaria difendono la dignità umana e che con uno sciopero della fame chiedono un processo equo, lo Stato procede con estrema brutalità. Solo di recente Helin Bölek e Mustafa Koçak si sono uniti alla carovana degli immortali. Anche Ibrahim Gökçek, che per il 316° giorni rifiuta di assumere alimenti può andarsene in qualsiasi momento. Dobbiamo agire con urgenza – per Ibrahim e per i prigionieri politici. Prendiamo in mano i nostri diritti democratici e portiamo la resistenza alla vittoria“.

Da parte sua Ibrahim, per quanto indebolito,  pare intenzionato a non desistere.

In un messaggio di martedì 28 aprile scriveva: “Le nostre richieste sono legittime, perché non vengono esaudite? Abbiamo dato i concerti più grandi e più visitati. Abbiamo fatto le canzoni del popolo e siamo diventati tutt’uno con il popolo“.

Gianni Sartori

 

#MemoriaStorica #EuskalHerria – “Pays basque et liberté : retour sur le processus vers la paix”

Un documentario andato in onda lunedì 27 aprile 2020 sulla rete televisiva francese France 3 Nouvelle-Aquitaine dedicato al Processo di Pace in EuskalHerria, un lungo cammino che parte dalla Guerra Civile spagnola fino a giungere alla consegna degli arsenali di ETA.

Un documentario firmato da Thomas Lacoste – co-produzione : Sister Productions / Primaluce / Gastibeltza / France Télévisions

#SARDIGNA – #28Aprile – Sa Die de Sa Sardigna – comunicato Corona de Logu

28aprile-srd

Initziativas pro Sa Die de Sa Sardigna, festa de su pòpulu sardu e die cummemorativa de su 28 de aprile de su 1794

Su 28 de aprile tzelebramus “Sa Die de Sa Sardigna”, festa de su pòpulu sardu, chi nos ammentat de cando nch’amus catzadu sos piemontesos dae Casteddu e dae su restu de sa Sardigna. Fiat su 28 de abrile de su 1794 e fiat su mègius andare de su “triènniu rivolutzionàriu sardu”.

S’eventu est festa istitutzionale, introduida  dae su Consìgiu Regionale Sardu cun sa Lege Regionale n. 44 de su 14 de cabudanni de su 1993. Est fintzas festa populare, pro ammentu de cando totu sos sardos si sunt aunidos pro nche cròmpere a un’obietivu comunu: su de costoire su deretu a s’autoguvernu de s’ìsula. Est una de sas recurrèntzias prus a curtzu a sa Corona de Logu, s’assemblea de sos amministradores locales indipendentistas de Sardigna.

A dolu mannu, sa crisi sanitària chi semus vivende custos meses non nos at a permìtere de la tzelebrare comente si tocat. Ma pròpriu sos eventos cajonados dae su Covid-19, chi si nch’est giai tramudadu a depressione econòmica, nos nche diant dèpere giùghere a meledare mègius subra sos eventos de sa “rivolutzione sarda”. Mai comente a como, difatis, amus tentu su bisòngiu e s’ocasione de torrare a pònnere in motu sa Sardigna e sos Sardos movende dae bases noas.

Oe, benimus a cumprèndere chi su istare paris cheret modificadu e indiritzadu conca a una pràtica e unu sentidu difusu de autodeterminatzione prus artu. Duncas, est de importu a cumprèndere e a iscobèrrere sas resones e sas atziones de Angioy e de sos cumpàngios suos.

Pro custu, sa Corona de Logu nch’at inbiadu una lìtera de intentos a totu sos sìndigos de Sardigna pro los invitare a tzelebrare in sa mègius manera possìbile, bidos sos tempos, “Sa Die de sa Sardigna”. E pro custu invitat sos amministradores locales membros de s’Assemblea:

1) a arresonare, in sa prima assemblea ùtile de su Consìgiu Comunale, de sos eventos istòricos de su “triènniu rivolutzionàriu sardu” e de sas resones chi, in acordu cun sa Lege Regionale n. 44 de su 14 de cabudanni de su 1993, nos faghent tzelebrare “Sa Die de sa Sardigna”;

2) a tzelebrare “Sa Die de sa Sardigna” fintzas in sa pròpria Comuna, promovende cada initziativa ùtile a s’ammentu de sos eventos rivolutzionàrios de su 1794-96.

Sa Corona de Logu ponet a disponimentu de sos membros suos su modellu de sa motzione presentada giai in sos Consìgios Comunales de: S. Francìscu di l’Aglièntu, Bauladu, Gelisuli, Macumere, Mamujada, S’Ulumedu, Pirri, Piaghe, Ruinas, Samugheo, Lungoni, Iscanu, Serramanna, Serrenti, Simaba, Terraba, Tertenia, Soramanna e Biddanoa de Forru.

Sa Corona de Logu isperat chi, unu cras, semper prus Comunas sardas partètzipent in manera ativa a “Sa Die de sa Sardigna” e a difùndere sa connoschèntzia de sos eventos chi nde faghent parte, cuntribuende a sa crèschida de una cussèntzia natzionale sarda ispainada in sa populatzione e in sas istitutziones de s’ìsula.

Iniziative per Sa Die de Sa Sardigna, festa del popolo sardo e giornata commemorativa del 28 aprile 1794

 

Il 28 aprile prossimo celebriamo “Sa Die de Sa Sardigna”, festa del popolo sardo che ricorda la cacciata dei piemontesi dalla città di Cagliari e dal resto della Sardegna, avvenuta il 28 aprile 1794 e momento cruciale del ciclo di eventi passati alla storia come “triennio rivoluzionario sardo”.

La ricorrenza è festa istituzionale, introdotta dal Consiglio Regionale della Sardegna con Legge Regionale n. 44 del 14 settembre 1993. Ed è insieme festa popolare, a commemorazione del momento in cui i sardi tutti si unirono per il raggiungimento dell’obiettivo comune: conservare le antiche prerogative di autogoverno dell’isola. Sta dunque particolarmente a cuore della Corona de Logu, assemblea degli amministratori indipendentisti di Sardegna.

Purtroppo, la fase di crisi sanitaria attraversata in questi mesi dalla nostra società impedirà uno svolgimento pieno della celebrazione. Ma proprio gli eventi innescati dal Covid-19, infezione già sfociata in una pericolosissima depressione economica, devono spingerci a meglio riflettere sugli eventi della “sarda rivoluzione”. Mai come in questo momento, infatti, abbiamo avuto la necessità e l’occasione per far ripartire la Sardegna e i Sardi su nuove basi.

Oggi scopriamo che il nostro stare insieme va modificato e indirizzato verso una più alta e diffusa percezione e pratica dell’autodeterminazione. Ed a tale scopo è indispensabile riscoprire e fare tesoro delle motivazioni e dell’azione di Angioy e dei suoi compagni.

Per questo la Corona de Logu ha inviato a tutti i sindaci della Sardegna una lettera d’intenti e di sollecitazione a commemorare nel miglior modo possibile, date le circostanze, “Sa Die de Sa Sardigna”. E per questo invita gli amministratori locali membri dell’Assemblea:

1) a discutere nella prima seduta utile del Consiglio Comunale degli eventi storici del “triennio rivoluzionario sardo” e delle motivazioni per le quali, in accordo con la Legge Regionale n. 44 del 14 settembre 1993, ha oggi pieno senso celebrare “Sa Die de Sa Sardigna”;

2) a celebrare “Sa Die de Sa Sardigna” anche nel proprio Comune, promuovendo ogni iniziativa utile volta a fare memoria degli eventi rivoluzionari del 1794-96.

La Corona de Logu fornisce ai suoi membri il modello di tale mozione, già presentata nei Consigli Comunali di Aglientu, Bauladu, Girasole, Macomer, Mamoiada, Olmedo, Pirri, Ploaghe, Ruinas, Samugheo, Santa Teresa di Gallura, Scano di Montiferro, Serramanna, Serrenti, Simala, Terralba, Tertenia, Ussaramanna e Villanovaforru.

La Corona de Logu si augura che in futuro sempre più Comuni sardi s’impegnino nella partecipazione attiva a “Sa Die de Sa Sardigna” e nella diffusione della conoscenza degli eventi ad esso legati, contribuendo così alla crescita di una coscienza nazionale sarda diffusa nella popolazione e nelle istituzioni dell’isola.

 

coronadelogu.eu

info@coronadelogu.eu

facebook.com/coronadelogu

instagram.com/coronadelogu

+39 349 36 04 398