IN PIAZZA PER SOSTENERE IL POPOLO KURDO – segnalazioni di Gianni Sartori

Syria Trukey US

riceviamo e pubblichiamo:

SABATO 12 OTTOBRE H 15:00 PIAZZA DEL NETTUNO (Bologna)
***IN CASO DI IMMEDIATO ATTACCO DA PARTE DELLA TURCHIA TUTTI PRONTI PER SCENDERE IN PIAZZA IL PRIMA POSSIBILE***
12 ottobre giornata mondiale di mobilitazione e azione contro l’occupazione turca e la pulizia etnica dei curdi nella Siria settentrionale e orientale.
Dal Comitato di solidarietà del Rojava in Europa
“Sin dall’istituzione dell’autonomia autonoma democratica curda nella Siria settentrionale e orientale (DASA), il confine tra Turchia e Siria settentrionale e orientale è stato molto sicuro e nessuna azione armata contro la Turchia ha avuto origine da questo territorio. In recenti colloqui mediati dall’amministrazione statunitense tra la DASA e lo stato turco, le forze democratiche siriane (SDF) hanno dimostrato la loro volontà di lavorare per una pace duratura.
La nuova dichiarazione rilasciata dalla Casa Bianca, dal presidente degli Stati Uniti D. Trump, ha violato l’accordo negoziato tra la DASA e lo stato turco. Questa affermazione dimostra che gli Stati Uniti hanno apparentemente abbandonato i curdi, risultando in un’area che è stata, fino ad ora, un’oasi di stabilità e coesistenza in Siria, dovendo affrontare un altro periodo di sanguinosi conflitti.
Erdogan e il suo regime autoritario rappresentano la dittatura totalitaria, il militarismo e la violenta persecuzione delle minoranze, dei curdi e dei loro alleati nella Siria settentrionale e orientale. Più di 11.000 uomini e donne delle forze di sicurezza della Siria settentrionale e orientale hanno dato la vita per liberare questa regione dall’ISIS, per proteggere i popoli della Siria settentrionale e orientale e per fornire loro un futuro migliore, e oltre 22.000 altri sono rimasti feriti in questa campagna combattuta duramente. In questo modo, il mondo è stato protetto dalla brutalità dell’ISIS.
Un’invasione della regione da parte delle forze turche creerà le circostanze in cui l’ISIS può essere rianimato e commettere crimini contro l’umanità, diventando ancora una volta una minaccia per tutto il Medio Oriente, l’Europa e il mondo causando morte e distruzione indicibili e costringendo milioni di persone a fuggire dalle loro case e diventare rifugiati.
Pertanto, chiediamo alle comunità internazionali e alle organizzazioni della società civile in tutto il mondo di agire contro l’occupazione turca e la pulizia etnica contro i curdi nella Siria settentrionale e orientale il 12 ottobre 2019. ”
ENGLISH VERSION
URGENT CALL
FOR A GLOBAL ACTION DAY ON THE 12th OCTOBER
Against the Turkish Occupation and Ethnic cleansing of KURDS in North & East Syria
Since the establishment of the Kurdish democratic autonomous self-administration in North and East Syria (DASA), the border between Turkey and North and East Syria has been highly secure, and no armed actions against Turkey have originated from this territory. In recent talks mediated by the US administration between the DASA and the Turkish state, the Syrian Democratic Forces (SDF) have demonstrated their willingness to work for lasting peace.
The new statement released by the White House, US President D. Trump has violated the agreement negotiated between the DASA and the Turkish state. This statement demonstrates that the US has seemingly abandoned the Kurds, resulting in an area which has been, until now, an oasis of stability and coexistence in Syria, having to face another period of bloody conflict.
Erdogan and his authoritarian regime represent totalitarian dictatorship, militarism and violent persecution of minorities, and the Kurds and their allies in North and East Syria. More than 11,000 men and women from the security forces of North and East Syria gave their lives to liberate this region from ISIS, to protect the peoples of North and East Syria and to provide them with a better future, and over 22,000 more were wounded in this hard-fought campaign. By doing this, the world was protected from ISIS brutality.
An invasion of the region by Turkish forces will create circumstances in which ISIS can be revived and commit crimes against humanity, once again becoming a threat to the entire Middle East, Europe and the world causing untold death and destruction and compelling millions to flee their homes and become refugees.
Therefore, we call upon the international communities and civil society organizations worldwide to take action against the Turkish Occupation and Ethnic cleansing against KURDS in North & East Syria on the 12th October 2019.
-Stop the Turkish occupation
-Stop Turkish Ethnic cleansing
Rojava Solidarity Committee
Riportiamo un elenco delle iniziative di cui abbiamo avuto notizia finora.Gli aggiornamenti verranno pubblicati anche sulla pagina Facebook e sull’account Twitter.
Mercoledì 9 ottobre
Svizzera, Canton Ticino, Bellinzona: Oggi:
Giovedì 10 ottobre
Venerdì 11 ottobre
Sabato 12 ottobre
Milano: manifestazione “No CPR” con spezzone in solidarietà confederazione Siria Occidentale e orientale
Sardegna: manif contro occupazione militare della sardegna, con spezzone in solidarietà:  https://www.facebook.com/180107789008316/posts/1002107416808345/
Palermo: Concentramento piazza Verdi (Massimo) ore 17,00
Bologna: Mobilitazione alle 15:  https://www.facebook.com/events/518177518755832/
Domenica 13 ottobre
La Redazione di Rete Kurdistan Italia 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...