#IRELAND – ONORI MILITARI A UN MILITANTE REPUBBLICANO – di Gianni Sartori

Purtroppo per lui portava lo stesso nome del protagonista di Robocop.
Una coincidenza che i malevoli non mancavano di sottolineare. Ma le analogie finivano lì.
Alex Murphy, sessantenne, ex militante dell’IRA, è morto il 15 agosto nella sua casa di Falls Road a Belfast. Venne imprigionato in quanto responsabile dell’uccisione di due soldati inglesi (ma in realtà erano già agonizzanti e senza speranza per il linciaggio subito dagli incazzati abitanti di West Belfast) il 19 marzo 1988.
Un riepilogo. Qualche giorno prima (3 marzo 1988) le Sas (teste di cuoio britanniche) avevano abbattuto tre militanti – disarmati – dell’IRA a Gibilterra: Mairéad Farrel, Danny McCann e Séan Savage.
Quando le bare erano tornate a Belfast, nel cimitero cattolico di Milltown, i funerali venivano attaccati con spari e granate da un miliziano lealista, Michael Stone*. Tre persone erano rimaste uccise e 64 ferite. Le armi – me lo dichiarò Gerry Adams in un’intervista del maggio 1994 – sarebbero state fornite dagli Inglesi, così come le informazioni su quali esponenti repubblicani avrebbero presenziato ai funerali. L’episodio venne ripreso dalle televisioni di tutto il mondo e in quella occasione i media avevano avuto parole di apprezzamento per il coraggio dei giovani che lo avevano inseguito e catturato vivo in quanto agirono disarmati. Ma due giorni dopo, al funerale di una delle tre vittime, un’auto si introdusse – si disse per caso, non intenzionalmente – nel corteo. A bordo c’erano due uomini armati, sotto-ufficiali inglesi in borghese.
Circondati dalla folla che temeva un altro attacco settario, i due militari spararono alcuni colpi di pistola. Vennero aggrediti, disarmati, tolti di peso dall’auto e praticamente linciati. Presi in consegna da alcuni esponenti dell’Ira, furono – pare – interrogati e poi uccisi.
E la gente di West Belfat, la stessa che due giorni prima era stata apprezzata, venne descritta dai media come barbara, assassina, selvaggia. Senza che nessuno facesse lo sforzo di comprendere la situazione psicologica di persone che erano state aggredite a colpi di granate durante un funerale, di una comunità oppressa e assediata che veniva sistematicamente infiltrata e provocata.
Ritenuto uno dei responsabili, Alec Murphy era stato condannato all’ergastolo con un altro repubblicano, Hugh Maguire. In virtù degli accordi del Venerdì Santo, venne liberato nel 1998.
Nei primi anni settanta – ancora sedicenne – era già stato incarcerato e rinchiuso a Long Kesh, in seguito teatro dello sciopero della fame del 1981.
Ai suoi funerali ha presenziato una folla numerosa, ma non sono mancate accese polemiche per il video diffuso successivamente. Vi si vedono infatti alcuni militanti repubblicani incappucciati rendergli gli onori militari sparando colpi in aria davanti al feretro. Per la polizia si tratterebbe di un “atto criminale” e il giorno successivo l’abitazione di Murphy è stata perquisita. Per il momento nessun arresto comunque.
*nota 1. Diventato un simbolo per la comunità lealista, filobritannica (anche perché una delle sue tre vittime risulterà poi essere un militante dell’Ira), Michael Stone, arrestato dalla Ruc (Royal Ulster Constabulary), venne condannato all’ergastolo. Rilasciato nel 2000 per effetto degli Accordi di Belfast, aveva preso posizione in favore del processo di pace. Questa scelta fu la causa – all’inizio del 2002 – del suo esilio volontario dall’Isola. Aveva infatti subito sia minacce che aggressioni fisiche da parte dei suo ex commilitoni dell’UFF, all’epoca ancora contrari agli “Accordi del Venerdì Santo” e fautori di una ripresa del conflitto. Ma poi, presumibilmente, deve averci ripensato. Infatti nel 2006 venne nuovamente arrestato per un progetto di attaccare lo Stormont e – presumibilmente – assassinare Gerry Adams e Martin McGuinness, esponenti del Sinn Fein. Nel gennaio 2019 Stone (64 anni) ha incaricato il suo avvocato di presentare richiesta di appello alla Corte Suprema in quanto i giudici avevano stabilito che non avrebbe potuto accedere alla libertà vigilata prima del 2024.
Chi è veramente Michael Stone? Un “mercenario del crimine” di professione (come è stato definito) – manipolato e strumentalizzato – o un residuato bellico, rottame scomodo e impresentabile della guerra sporca?
Gianni Sartori

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...